Studio Legale
 
Quesito n. 1 del 30 marzo 2020: CESSIONE DEL QUINTO

Quesito n. 1 del 30 marzo 2020: CESSIONE DEL QUINTO

Condividi
Tempo di lettura:1 Minuti, 24 Secondi
Buongiorno, a xxx stipulai una cessione del quinto, licenziatomi e subentrata un assicurazione stipulata a loro spese in surroga avvenuta a xxx 2014. Oggi attraverso un recupero crediti questa assicurazione mi ha rinnovato la cessione del quinto senza comunicarmi nulla ma direttamente con il datore di lavoro. Chiedo 1 se questa procedura è legale 2 visto che non ho perso involontariamente il lavoro ma volutamente per dimissioni l’assicurazione era tenuta a pagare la finanziaria ai tempi? 3 viste le date del contratto il debito non dovrebbe essere prescritto?

Risposta:

Gentile signore,

in generale, il diritto al rimborso assicurativo viene meno in caso di dimissioni volontarie, a meno che non siano avvenute per giusta causa.

In questi casi l’Assicurazione può rifiutarsi di pagare, ma qualora provveda al pagamento ha diritto di rivalsa sul debitore.

Presumo poi che l’Assicurazione abbia provveduto ad un pignoramento presso terzi presso il suo nuovo datore di lavoro; questa procedura è certamente legale ma avrebbe dovuto essere stata preceduta da altri atti prodromici alla stessa e che l’Assicurazione avrebbe dovuto notificarle al suo indirizzo di residenza quali decreto ingiuntivo, atto di precetto e infine pignoramento.

Le consiglio di accertarsi se ciò sia avvenuto e in caso contrario proporre opposizione all’esecuzione.

Infine, al diritto di surrogazione dell’assicuratore che ha pagato ex art. 1916 cod. civ un’indennità all’assicurato danneggiato, si applica il nel nostro caso il termine di prescrizione decennale.

Pertanto, se la surroga è stata eseguita nel 2014 la prescrizione non è ancora maturata.



Condividi