Studio Legale
 
Quesito n. 3 del 3 aprile 2020: PRELIMINARE E CORONAVIRUS

Quesito n. 3 del 3 aprile 2020: PRELIMINARE E CORONAVIRUS

Condividi
Tempo di lettura:1 Minuti, 42 Secondi

“Buonasera ho venduto casa e ho fatto il preliminare a xxx il 28 Ho il rogito 10 xxx e sto trovando casa.ma al 10 marzo si è bloccato tutto. Quando ripartirà posso postdatare e recuperare i due mesi persi a causa del decreto di blocco?”

RISPOSTA:

Gentile signore,

alcune delle misure messe in atto dal Governo con il Decreto n. 18 del 17 marzo 2020 (c.d. “Decreto Cura Italia”) per contrastare l’emergenza epidemiologica riguardano la sospensione dei termini per gli adempimenti fiscali e contributivi e quelli relativi ai procedimenti in materia civile, penale, amministrativa e tributaria.

La data entro la quale dovrà sottoscrivere il Rogito non rientra tra quelli appena indicati perché è un termine all’adempimento che viene convenzionalmente pattuito tra le parti in sede di trattativa privata e da cui si fa discendere l’obbligo di prestare il consenso per la conclusione del contratto successivo, il Rogito appunto.

Ciò significa che né Lei e né il promissario acquirente potrete invocare l’applicazione della sospensione del termine per effetto del Decreto Cura Italia.

Pertanto, se quello pattuito nel contratto preliminare è inteso quale termine essenziale, in caso di inadempimento da parte Sua, l’altra parte potrà agire giudizialmente nei Suoi confronti, in quanto la mera difficoltà conseguente al rispetto delle misure contenitive non è sufficiente ad escludere una Sua responsabilità per inadempimento.

Tuttavia, non è escluso che in una eventuale causa il Giudice potrà escludere la Sua responsabilità per la mancata o ritardata stipula del rogito.

Il mio consiglio, anche ai fini probatori in una possibile causa, è quello di intavolare sin da subito una trattativa per iscritto con il suo acquirente, rappresentando il rischio di non riuscire a reperire una nuova abitazione entro i termini pattuiti e concordare mediante accordo scritto, integrativo al contratto preliminare, una proroga del termine di adempimento.



Condividi