Studio Legale
 
La Corte Costituzionale continua a demolire il Jobs Act

La Corte Costituzionale continua a demolire il Jobs Act

Condividi
Tempo di lettura:1 Minuti, 25 Secondi

Dopo le pronunce con le quali è stata eliminata la predeterminazione delle mensilità dovute ai lavoratori illegittimamente licenziati e per i quali non sia più previsto il diritto alla reintegrazione (ossia quelli assunti dopo il 5 marzo 2015), che costituiva il vero “cuore” della riforma tanto cara al Premier Renzi, la Corte Costituzione ha appena inferto un ulteriore colpo mortale alle poche certezze che i datori di lavoro potevano ricavare dalla normativa vigente.

In effetti, per i lavoratori ai quali ancora si applica l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori (ossia quelli assunti prima del 5 marzo 2015), la reintegrazione è dovuta (e non più solo “possibile”) in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo qualora il Giudice ravvisi che il fatto assunto a motivazione del licenziamento sia manifestamente insussistente.

Lo ha deciso ieri la Corte Costituzionale, parificando dunque il trattamento del licenziamento cd. “economico” illegittimo a quello del licenziamento disciplinare del quale venga rilevata la manifesta insussitenza del fatto posto a base del licenziamento.

E’ opinione di chi scrive che il Jobs Act debba essere definitivamente ripensato, perchè nasceva per introdurre delle certezze e si è trovato ad essere una normativa altrettanto rischiosa e soprattutto molto più costosa della precedente per i datori di lavoro.

Il prezzo che è stato pagato dal mondo del lavoro, ossia la divisione tra lavoratori “tutelati” e lavoratori più giovani che non lo sono non vale il vantaggio che si è ricavato dall’ennesima riforma raffazzonata della disciplina del licenziamento.

Avv. Sandro Campilongo

CC_CS_20210224163339.pdf (cortecostituzionale.it)

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *