Studio Legale
 
Quesito n. 12 del 15 aprile 2020: SEPARAZIONE CONSENSUALE

Quesito n. 12 del 15 aprile 2020: SEPARAZIONE CONSENSUALE

Condividi
Tempo di lettura:1 Minuti, 43 Secondi



vorrei un parere per sapere come procedere per una separazione consensuale quali documenti servono ?io ho sempre lavorato ma ora mi sono licenziata per curare mio figlio da 3 anni daranno la custodia a mio marito se non ho redditi?

Gentile signora,

la “separazione consensuale” presuppone un accordo tra i coniugi le cui condizioni vengono riversate nel ricorso congiunto che verrà depositato in Tribunale.

Le condizioni della separazione – sui quali matura il “consenso” – riguardano l’affidamento dei figli minori, le modalità di visita dei genitori, l’assegnazione della casa coniugale e le pattuizioni economiche.

Da quello che intuisco, con Suo marito concordate sulla decisione di separarvi, ma non avete ancora discusso delle condizioni della separazione ovvero non siete d’accordo su questo.

Quanto all’affidamento dei figli, la riforma legislativa del 2006 ha imposto come regola generale quella dell’affidamento condiviso, ossia che i figli vengano affidati ad entrambi i genitori con prevalente collocazione presso l’abitazione di uno dei due, in genere è quella materna.

Pertanto, il Giudice potrà disporre l’affidamento esclusivo ad un genitore solo in via residuale, ossia quando ritenga l’affidamento dell’altro contrario all’interesse del minore perché ne ostacola una condizione di vita serena ed equilibrata (cfr. art. 337 quater cod. civ.). 

La situazione reddituale non è un elemento che può incidere sull’affidamento, quanto sulle richieste economiche e poiché Lei non svolge alcuna attività lavorativa, è nelle condizioni di pretendere l’assegno di mantenimento da Suo marito, ovviamente anche quello per il contributo al mantenimento del bambino.

Quanto ai documenti, occorrono (i) l’estratto per riassunto dell’atto di matrimonio, (ii) i certificati di residenza e di stato di famiglia di entrambi e (iii) le dichiarazioni dei redditi degli ultimi 3 anni di entrambi.

Nel Suo caso, anziché la dichiarazione dei redditi, dovrà allegare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio nella quale attesta che negli ultimi 3 anni non ha percepito alcun reddito.



Condividi