Studio Legale
 
Fase 2: Il DPCM del Governo, l’Ordinanza della Regione Lazio e quella del Comune di Roma.

Fase 2: Il DPCM del Governo, l’Ordinanza della Regione Lazio e quella del Comune di Roma.

Condividi
Tempo di lettura:1 Minuti, 53 Secondi

Di questo passo, le imprese apriranno fra una settimana solo per riuscire a leggere i provvedimenti emanati nelle ultime ore; e magari anche a capirci qualcosa.

Domani dovrebbero riaprire numerose attività produttive, tra le quali bar e ristoranti, e fino a poche ore fa non esisteva ancora il DPCM attuativo del Decreto Legge n. 33/2020 pubblicato in Gazzetta Ufficiale solamente ieri.

Ad ogni buon conto, lo potete scaricare QUI SOTTO

Verrebbe da dire che i provvedimenti per governare la pandemica emergenza hanno preso il ritmo della concessione dei finanziamenti alle imprese (è di oggi la notizia che il tasso di concessione è vicino al 6% delle domande): vedasi Decreto Rilancio…

Ma il DPCM non poteva bastare.

Ogni Regione ha adottato la propria Ordinanza.

Qui sotto trovate quella della Regione Lazio

Se non altro, la Regione Lazio ha lavorato in maniera tempestiva, perché ha anticipato il Presidente del Consiglio di un giorno, avendo adottato la propria ordinanza lo scorso 16 maggio.

Peraltro, nell’Ordinanza sono contenute anche misure di rimodulazione delle misure di prevenzione per le attività economiche rispetto a quanto era già stato elaborato dall’INAIL (riduzione delle distanze nei ristoranti e nelle spiagge, ad esempio), che sono essenziali per la tenuta delle attività economiche, in attesa di verificare se si riveleranno sufficienti anche per tutelare la salute dei cittadini.

In tutto questo, anche Roma Capitale – sempre lo scorso 16 maggio – si è affrettata ad emanare le proprie regole, in particolare per quanto riguarda gli orari delle attività commerciali.

Trovate l’Ordinanza della Sindaca n. 92 del 16 maggio 2020 QUI SOTTO

L’Ordinanza prevede fasce orarie differenziate e dilatate per evitare eccessive code fuori dai negozi e per consentire di scaglionare gli spostamenti per recarsi al lavoro, anche in considerazione della ridotta possibilità di avvalersi dei mezi pubblici di trasporto.

Se domani mattina volete riaprire dopo oltre due mesi di inattività, leggete tutto stanotte ed organizzatevi in fretta…

Avv. Emanuele Nati

Condividi