Studio Legale
 
Quesito n. 27 del 22 giugno 2020 – Rimozione dispositivo satellitare da autoveicolo

Quesito n. 27 del 22 giugno 2020 – Rimozione dispositivo satellitare da autoveicolo

Condividi
Tempo di lettura:1 Minuti, 55 Secondi

Buongiorno avvocato,

Volevo gentilmente chiederLe un parere.

Avevo stipulato quasi 2 anni fa un’assicurazione, la quale prevedeva l’installazione di un apparecchio satellitare.

Dopo un anno, alla scadenza della polizza, ho deciso di non rinnovarla più e di stipulare un’altra polizza con un’altra compagnia assicurativa.

Oggi, dopo quasi un anno della cessione della polizza mi è arrivata una lettera da parte di un avvocato, comunicandomi che sono in mora per la mancata restituzione dell’apparecchio satellitare e che dovrò fare a loro un bonifico di 250 euro. Ho provato a contattarli e dicono che sul contratto che ho firmato  c’è espressamente scritto che sono tenuto a riconsegnare l’apparecchio  entro 15 giorni dalla cessazione del contratto di assicurazione. Dalla data della cessione del contratto fino ad oggi, non hanno mai fatto nessuna comunicazione ne sollecito per la consegna dell’apparecchio.

Rivedendo il vecchio contratto, non trovo da nessuna parte scritto tutto quello detto da loro.

Potrebbe gentilmente consigliere cosa devo fare?

In attesa di un Suo riscontro, La ringrazio.

Risposta:

Carissimo,

ai sensi dell’art. 32 del DL 1/2012 e s.m.i. “Nel caso in cui l’assicurato acconsenta all’istallazione di meccanismi elettronici che

registrano l’attività del veicolo, denominati scatola nera o equivalenti, o ulteriori dispositivi, individuati con

decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministero dello sviluppo

economico, i costi di installazione, disinstallazione, sostituzione, funzionamento e portabilità sono a carico

delle compagnie che praticano inoltre una riduzione significativa rispetto alle tariffe stabilite ai sensi del

primo periodo, all’atto della stipulazione del contratto o in occasione delle scadenze successive a condizione

che risultino rispettati i parametri stabiliti dal contratto».

Dunque la risposta alla sua domanda è che la Compagnia di Assicurazione non può accollarle quei costi.

La legge non prevede tempistica ed il contratto neanche (stando a quello che dice lei).

Perciò può rispondere che non è tenuto ad alcun pagamento, e che se vogliono lei può portare l’auto presso un centro convenzionato affinchè smontino il dispositivo.

Cordiali saluti e grazie

Condividi